Oggi Microsoft ha annunciato il rilascio di Windows Vista. Da un’indagine commissionata dal gruppo a IDC per valutare l’impatto economico del fratello maggiore di XP nei Paesi dell’Europa Occidentale, emerge che nel nostro piccolo Paesello nel 2007 il numero di persone occupate nel settore IT che lavoreranno su prodotti o servizi legati a Vista saranno circa 124 mila (il 18% del totale degli occupati).

Fin qui nessuna novità , bisogna dire. Le proporzioni tornano con l’attuale diffusione di tecnologia Microsoft. Poi però si annuncia:

“L’introduzione di Windows Vista creerà  in Italia almeno 8.000 posti di lavoro in più nel settore IT nel prossimo anno rispetto al 2006”.

Qui però i conti non tornano. Di recente ho rivisto le stime di Asssinform (vedi grafico sotto). Si parlava di 11.000 nuovi posti in cinque anni (di cui 1.000 nel 2007 nel comparto del software). I casi sono soltanto due, visto che le stime qui sotto sono di un mese fa: 1) Assinform non sa fare di conto; 2) IDC mena il can per l’aia.

Dati Assinform Novembre 2006

[Fonte: “Occupazione e professioni nell’ICT €” Rapporto 2006″ – DIT/Federcomin/Aitech-Assinform/Asstel]

Così Tito Boeri oggi sul Sole 24 Ore nel bell’articolo di Walter Passerini Le pensioni dei giovani saranno troppo magre, sul tema delle pensioni e del passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo:

“àˆ l’iniquità  intergenerazionale il tema caldo. La transizione infinita dal sistema retributivo a quello contributivo lede in modo drammatico i giovani, che oggi pagano le pensioni degli anziani. L’attuale sistema previdenziale è come un Robin Hood al contrario: prende ai poveri per dare ai ricchi. àˆ una situazione grottesca, se si pensa che in Europa succede il contrario.”

In particolare, il cosiddetto “scalone” inciderà  di più su chi ha iniziato a versare contributi (ovvero ha incominciato a lavorare con un contratto regolare) a partire da gennaio del 1996. Ecco. Io ho iniziato a maggio.

Uno su cinque non ce la fa. Robert Half, società  di head hunting, sostiene che il passaggio dall’Università  all’ufficio mette in crisi almeno il 20% dei neoassunti. Il campione riguarda il mondo della finanza. I problemi maggiori? L’adattamento alla cultura d’impresa (21% del campione), seguito dalla mancanza di concentrazione (16%), una preparazione tecnica insufficiente nel 10% dei casi e una certa dose di indisciplina (8%).

Questo il punto di vista delle imprese. Non si parla però del tipo di contratto applicato ai giovani laureati, della loro retribuzione, delle prospettive di carriera, delle politiche nei confronti dei neoassunti.

Quelli registrati sono soltanto cause di inefficienza o anche sintomi di un malessere?